Come ottenere la fornitura degli ausili


La fornitura di prestazioni di assistenza protesica a carico del Sistema Sanitario è subordinata allo svolgimento delle seguenti attività:

 

1. Prescrizione

Prescrizione è redatta da un medico specialista competente. E’ parte integrante di un programma di prevenzione, cura e riabilitazione, e deve comprendere: diagnosi, indicazione dell’ausilio completa di codice identificativo, un programma terapeutico di utilizzo del dispositivo.

 

2. L'autorizzazione

L’autorizzazione viene rilasciata dalla Asl di residenza previa verifica dello stato di Avente Diritto del richiedente, della corrispondenza tra prescrizione e dispositivi codificati del nomenclatore, compresi situazioni di rinnovo fornitura.
Nel caso di prima fornitura la Asl risponde entro 20 giorni della richiesta e vige il silenzio assenso .

In caso di ausili prescritti per necessità o urgenza nel corso di un ricovero presso strutture fuori dal territorio dell’Asl di residenza dell’assistito, la prescrizione è inoltrata dall’unità operativa di ricovero all’Asl di residenza che rilascia l’autorizzazione tempestivamente, anche tramite fax. In questo caso entro 5 giorni dalla prescrizione.

 

3. La fornitura

La fornitura degli ausili può essere fatta direttamente dalla Asl oppure in via indiritta. In questo caso sarà necessario individuare una punto vendita autorizzato (farmacia o sanitaria), dove effettuare la richiesta e conseguente ritiro degli ausili.

Attenzione!E’ proprio diritto ottenere l’ausilio prescritto e consigliato dal proprio Medico. Alcuni aspetti da considerare:

- Libera Scelta: il diritto dell’utilizzatore di scegliere insieme al suo medico e team riabilitativo l’ausilio che meglio si adatta alle sue specifiche esigenze. D.M.332 Art. 8 comma 2 “Le regioni emanano direttive per lo svolgimento delle procedure pubbliche d’acquisto da parte delle Asl anche al fine di garantire la capillarità della distribuzione dei dispositivi protesici, il rispetto di standard di qualità e la disponibilità di una gamma di modelli idonea a soddisfare specifiche esigenze degli assistiti.

- Riconducibilità D.M. 332 Art. 1 comma 5: qualora l’assistito scelga un tipo o un modello di dispositivo non incluso nel nomenclatore, ma riconducibile a giudizio dello specialista prescrittore, l’Asl di competenza autorizza la fornitura e corrisponde al fornitore una remunerazione non superiore alla tariffa applicata e al prezzo determinato dalla stessa azienda per il dispositivo incluso nel nomenclatore e corrispondente a quello erogato.

 

4. Il collaudo

Il collaudo accerta la congruenza clinica e la rispondenza del dispositivo ai termini dell’autorizzazione.
Contattaci

Direct Service


directService

 

Puoi richiedere un campione gratuito compilando il Form di richiesta

 

Contatta il tuo operatore sanitario. È necessaria la prescrizione del catetere da parte del tuo medico.

 
 

049